Problematiche Intime Femminili

Come trattare i più comuni fastidi, in maniera naturale

I 5 disturbi intimi più comuni

Ad un certo punto della propria vita, ogni donna si troverà a dover affrontare disagi legati all’area intima. Alcuni potranno essere lievi e solo fastidiosi, ma in altri casi, potranno invece seriamente impattare sulla qualità della vita o sulla sessualità.

I 5 disturbi intimi più comuni sono prurito, bruciore, secchezza vaginale, perdite ( a volte in combinazione con un odore sgradevole) e irritazione o dolore, durante o dopo il rapporto sessuale.

La causa di questi sintomi non è sempre ben definita o facilmente diagnosticata, ed è quindi importante consultare il proprio medico o ginecologo, se si verifica uno, o più, dei disturbi elencati.


Prurito

Il prurito può essere causato da infezioni, lieviti o batteri, o da malattie sessualmente trasmissibili. Può anche essere provocato da una reazione allergica o irritativa dovuta ad alcune sostanze, come profumi, saponi, ammorbidenti etc. Altre cause scatenanti sono l’abitudine di indossare biancheria intima sintetica, la depilazione, l'attrito a causa di esercizio fisico, o la secchezza vaginale. In molti casi, mentre le infezioni possono essere riconosciute grazie alla presenza di perdite particolari, le cause non infettive di prurito invece, non mostrano perdite insolite, ma evidenziano, piuttosto, gonfiore e arrossamenti nei tessuti dell’area intima. Al fine di individuare la causa dei disturbi, è consigliabile provare a rimuovere tutti i potenziali allergeni dalla regione intima: non usare sapone o profumi, evitare tamponi, salvaslip o carta igienica profumati, smettere di utilizzare ammorbidente per la biancheria intima, sospendere le depilazioni per un periodo, utilizzare solo indumenti intimi realizzati con materiali naturali traspiranti. Se il problema persiste, contattare il medico.

Bruciore

Solitamente, una sensazione di bruciore nell’area intima è causata da un’ irritazione della pelle dovuta a prurito, o a causa di un'infezione vaginale o dell'uretra. Questa sensazione può iniziare improvvisamente, o può svilupparsi in diverse settimane. È importante rivolgersi al ginecologo che valuterà la vostra anamnesi, ed effettuerà un esame vaginale al fine di prescrivere il corretto trattamento. In caso di una origine infettiva, spesso la cura include antibiotici o antimicotici. Potrebbero essere necessari un paio di giorni affinché la terapia abbia effetto. E’ una buona idea perciò, utilizzare prodotti che rinfreschino la pelle e che allevino prurito e irritazione. Di solito, questi prodotti possono essere acquistati liberamente in farmacia, in forma spray o gel.

Secchezza vaginale

La secchezza vaginale è più spesso legata alla menopausa, anche se le donne di tutte le età, possono soffrirne. I sintomi sono prurito, bruciore, dolore durante i rapporti sessuali e indolenzimento nell’area intima. Anche se questi sintomi potrebbero assomigliare a quelli relativi ad altre problematiche intime, l'insolita mancanza di perdite è la differenza principale. A seconda della causa, la secchezza vaginale può essere trattata con una terapia ormonale o di altro tipo, localmente o per via orale. Idratanti vaginali non ormonali donano un sollievo veloce e il loro effetto può durare per un paio di giorni. I lubrificanti vaginali, invece, possono fornire una soluzione immediata, nel caso di rapporti intimi dolorosi.

Perdite e odore sgradevole

Le perdite sono un fluido corporeo che aiuta a mantenere in equilibrio la flora batterica, permettono la lubrificazione durante il rapporto sessuale e forniscono protezione ai tessuti dell’area intima. Il suo aspetto si modifica durante il ciclo mestruale e nelle diverse fasi della vita. Tuttavia, perdite insolite (ad esempio di colore bianco, dense e friabili, o grigie, liquide e con un caratteristico odore di pesce), sono il segno di una infezione vaginale (micosi o vaginosi batterica). Anomali cambiamenti delle perdite possono anche essere il segnale di una malattia sessualmente trasmissibile, o di altre condizioni mediche gravi. Pertanto, se si notano cambiamenti insoliti nelle perdite, contattare il proprio medico o ginecologo.

Irritazione e dolore durante l’attività sessuale

In circostanze normali, il rapporto sessuale dovrebbe essere indolore. Irritazione e dolore durante, o dopo il rapporto, possono essere causati da un gran numero di fattori. Le cause più comuni sono secchezza vaginale, infezioni o allergie ma, in alcuni casi, il dolore può essere collegato a problemi più importanti, come un trauma fisico (ad esempio: dopo il parto), traumi psicologici o addirittura patologie tumorali. In caso di dolore nell’area vaginale, qualunque esso sia,è importante parlarne con il medico, trovare la causa, e iniziare la terapia adeguata.


Le soluzioni Naturali - oli essenziali e integratori specifici


Contro le infiammazioni delle zone intime funziona un mix di quattro oli essenziali:

Tea tree oil, Incenso, Mirra e Lavanda.

Questi quattro oli miscelati insieme hanno un effetto anti-infiammatorio, anti batterico e anti fungino (oltre a profumare le zone intime). In India vengono utilizzate per prevenire e curare le irritazioni più frequenti: dalla secchezza vaginale della menopausa, alle infezioni batteriche, ma anche per deodorare i genitali maschili in andropausa.


Per lei: mettete 2 gocce del mix dei quattro oli essenziali su un cucchiaio di yogurt e mescolate bene. Il composto ottenuto può essere applicato esternamente sui genitali per combattere la secchezza e il prurito vaginale. Mentre, per combattere candidosi e irritazioni si presta anche ad applicazioni interne. Il mix di oli e yogurt va inserito in vagina (con l’aiuto di una siringa senza ago o di una pipetta), la sera prima di andare a dormire.


Per lui: bastano poche gocce, del mix dei quattro oli essenziali, sui genitali prima e dopo i rapporti, per disinfettare e mantenere igienicamente protette le mucose. (cit.)









La salute del nostro INTESTINO


Mantenere un intestino sano aiuta a prevenire disturbi e malattie.

Non soltanto l'intestino è l'organo che permette, tramite un sano microbiota, di assimilare nel modo giusto tutti i nutrienti introdotti col cibo, ma svolge importanti attività difensive per il nostro sistema immunitario.


Una flora batterica carente e squilibrata è causa di intolleranze alimentari e allergie, ad esempio. Porta putrefazioni e gonfiori addominali. E carenze nutrizionali importanti.


Un'alimentazione squilibrata e di qualità scadente, una cattiva digestione per tempo prolungato, il consumo di sostanze chimiche ( medicinali, additivi chimici nel cibo, conservanti, dolcificanti artificiali), il fumo, il consumo di zucchero, lo stress, la costipazione cronica, sono tralle cause principali di questa carenza e/o squilibrio, ci rende soggetti alle "invasioni" di altri germi patogeni e parassiti e predispone alla moltiplicazione di funghi come la candida.


Per risolvere questo problema dobbiamo ricorrere ad uno stile di vita sano, gestendo lo stress, dormendo di più, meglio, mangiando cibo vero, non ingerire sostanze dannose per il nostro corpo, fare movimento fisico... ma spesso abbiamo bisogno di un aiuto dall'esterno!


GX Assist™

GX Assist è una combinazione di oli essenziali CPTG™ (Grado di purezza certificato e testato) e acido caprilico. GX Assist è formulato per essere usato per 10 giorni, seguito da 20 giorni di PB Assist™+.


Benefici principali

  • GX Assist contiene una miscela brevettata da doTERRA di oli essenziali CPTG (Grado di purezza certificato e testato) di Origano, Melaleuca, Limone, Lemongrass, Menta piperita e Timo

  • Raccomandato per l'utilizzo in combinazione con PB Assist+

Elenco completo degli ingredienti

gelatina, acqua, acido caprilico, glicerina, olio di origano, olio di tea tree, olio di limone, olio di lemongrass, olio di menta piperita, olio di timo, agenti di rivestimento (gommalacca, alginato di sodio, cera di carnauba)


Modo d'uso

Assumere da 1 a 3 capsule morbide durante i pasti per 10 giorni


Precauzioni

In caso di gravidanza, allattamento o problema medico conosciuto, consultare il medico prima di utilizzare il prodotto.



PB Assist™+

Formula probiotica protettiva

PB Assist+ è una formula brevettata composta da fibre prebiotiche e sei ceppi di microorganismi probiotici in un'eccezionale capsula vegetale doppio strato. Rilascia colture probiotiche attive e FOS (fruttoligosaccaridi) prebiotici solubili. Il sistema a doppia capsula a rilascio prolungato è progettato per proteggere le colture probiotiche sensibili dall’acido gastrico. PB Assist+ offre un modo unico, sicuro ed efficace di fornire i benefici dei probiotici.


  • Sistema di rilascio a capsula vegetale doppio strato

  • Rilascia colture probiotiche attive e FOS (fruttoligosaccaridi) prebiotici solubili


Elenco completo degli ingredienti

agenti lievitanti (glicerina, cellulosa microcristallina), idrossipropilmetilcellulosa, lactobacillus acidophilus, fruttoligosaccaridi, bifidobacterium lactis, lactobacillus salivarius, lactobacillus casei, bifdobacterium longum, antiagglomeranti (stearato di magnesio, biossido di silicio), bifdobacterium bifdum, colorante (complessi rameici della clorofilla)


Modo d'uso

Assumere una capsula a doppio strato tre volte al giorno, durante i pasti, per 10 giorni al mese.

Può essere usato più frequentemente e per periodi prolungati se necessario.



Precauzioni Alcune persone avvertono un cambiamento iniziale della regolarità e funzione intestinale quando iniziano ad assumere FOS prebiotici e probiotici. Nella maggior parte dei casi questi sintomi sono lievi e scompaiono dopo qualche giorno. In caso di gravidanza, allattamento o problema medico conosciuto, consultare il medico prima di utilizzare il prodotto. Non utilizzare se il flacone è aperto o le capsule sono rotte. Nota: Sebbene la tecnologia di incapsulamento a doppio strato di PB Assist+ non renda necessaria la refrigerazione, si consiglia tuttavia di conservare i flaconi sigillati di PB Assist+ in un luogo fresco e asciutto, e quelli aperti in frigorifero se possibile.



14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti